"L'unica costante e' il cambiamento" - Eraclito

E se avessi bisogno di stress? vi presento i Sensation Seeker

Il nostro cervello ha una necessità fiseologica di stimoli, evidenziata fin dal 1908 da Yearkes e Dodson e approfondita da Eric Berne, che l'ha rinominata "fame di stimoli". Questa "fame di stimoli" appartiene a ogni essere umano e più in generale a ogni essere vivente. Per comprendere quanto sono importanti gli stimoli esterni per un essere umano basta pensare a quale sia la più grande punizione del sistema penitenziario: la cella d'isolamento.

Alcuni di noi hanno però una fame maggiore di stimoli e per soddisfare questo bisogno mettono in atto una ricerca attiva di stimoli, che si configura come una vera e propria componente di personalità. Possiamo nominare queste persone Sensation Seeker.

Conoscete qualcuno che pratica bunjee jumping, rafting o sport pericolosi? Bene, potrete comprendere quanti stimoli abbiano bisogno per soddisfare la loro fame. Come si comportano questi Sensation Seeker? Nella vita personale cercano di avere molte relazioni, sia amicali, che intime; difficilmente rileggono un libro o rivedono un film, seppur li abbiano amati profondamente; professionalmente cambiano lavoro ogni 2/3 anni o spingono per crescere o imparare nuovi aspetti. Non è detto che si è Sensation Seeker in ogni ambito della vita, ma quando ricerchiamo stimolazione abbiamo un alta percentuale di poterci riconoscere in questa componente di personalità.

I Sensation Seeker amano i cambiamenti, perchè densi di stimoli e di stress. Un Sensation Seeker ha in un certo senso bisogno di stress. Ne ha bisogno per saziare la sua fame. Ora immaginiamo Felix Baumgartner (Sensation Seeker), l'appassionato di sport estremi, che si è buttato col paracadute da più di 30.000 km di altitudine, che viene assunto come collaudatore di materassi. Secondo voi come vivrà questa situazione lavorativa? Sicuramente sarà molto a disagio e vivrà una forte frustrazione.

Se siete Sensation Seeker avete bisogno di svolgere una professione che vi permetta di "stressarvi". Cosa intendo? Avete bisogno di lavorare molto o di intraprendere compiti complessi e sfidanti, affiancare più mansioni o professioni o avere molte relazioni umane sul luogo di lavoro. Un Sensation Seeker dopo una giornata densa di impegni è stanco, ma felice. Cosa significa e a cosa può servire quanto scritto? Chiederci se siamo o meno dei Sensation Seeker ci può aiutare a cercare una posizione lavorativa in linea con i nostri bisogni, diminuire le frustrazioni e aumentare il senso di appagamento personale.

Blue Flower

2017  Chiara Caravà P.IVA 03131100129   /vellori.it
logotype